RAPPORTO DISFUNZIONALE MADRE-FIGLIA COME SUPERARLO?

Il #rapportomadrefiglia è una delle #relazioni più complesse e importanti nella vita di entrambe le #donne e diventerà significativo per lo sviluppo relazionale della ragazza.

Dopo la nascita del piccolo c’è una dipendenza totale del #neonato, una completa passività, la #madre nutre il neonato a livello fisico, ma anche affettivo. Se inizialmente questa #relazionesimbiotica è indispensabile, in seguito potrebbe assumere delle sfumature negative e #dannose se non contenuta e progressivamente allentata.

Si possono infatti determinare situazioni così difficili da influenzare vari ambiti della vita personale, sentimentale,  lavorativa di una ragazza:  madri invadenti, possessive, gelose e dirigiste.

Queste madri si rapportano alle figlie in base alle proprie #aspettative: alcune di queste sono utili e funzionali a un sano sviluppo, mentre altre hanno come scopo più o meno inconscio quello di compensare delle #carenzeaffettive  o realizzare #desideriincompiuti che vorrebbe proiettare sulla figlia. Quando una madre interagisce con la figlia come se fosse veramente un prolungamento di se stessa, quando interviene in ogni sua scelta con la presunzione di sapere quello che è giusto o sbagliato, quando non riesce a lasciarle anche un minimo spazio di “libertà” per poter fare esperienza, allora si sta parlando di rapporto #invalidante tra madre e figlia.

Di solito queste dinamiche avvengono quando la personalità si sta formando, quando la figlia inizia a crescere e a volersi differenziare, esaltando la propria femminilità, prendendo spunto dalla madre ma anche cercando una diversità, una propria identità. In questa fase delicata della crescita, molte mamme si sentono escluse dalla vita della figlia, mettono in atto meccanismi che possono ritardare e ostacolare la crescita, intromettendosi e mantenendo così il controllo con la scusa di proteggere la figlia da pericoli e devianze.

Le problematiche che si possono instaurare sono emotive come ansia e insicurezza, che si ripercuotono anche nelle relazioni sociali e con il partner ad esempio provocando dipendenze affettive, l’ incapacità di essere autonomi e difficoltà sessuali.

Un percorso di sostegno per le madri e le ragazze attraverso la psicoterapia e l’arteterapia può prevenire e aiutare lo sviluppo di una relazione sana ed equilibrata.

Dott.ssa Valentina Zoccali – Arteterapeuta