IL RILASSAMENTO TERAPEUTICO

Il rilassamento terapeutico di J. Berges

Bergés (Tolosa 1928 – 2004) sviluppa, presso l’ospedale Sainte-Anne di Parigi, una tecnica di rilassamento per migliorare il vissuto corporeo e ottenere consapevolezza e controllo del proprio assetto psicomotorio.

Il rilassamento terapeutico viene ideato da Bergès (Tolosa 1928-2004) nell’ospedale parigino Sainte-Anne. Si tratta di una tecnica volta a migliorare i disturbi psicomotori come stati di tensione, crampi, iperattività, disprassia, …. Oltre che i disturbi di apprendimento come dislessia, disgrafia, difficoltà grafo motorie e favorire la risoluzione di problematiche psicosomatiche.

Questa tecnica viene generalmente eseguita in un ampio locale confortevole con gruppi di 5 o 6 bambini ma può essere anche individuale, consiste in un lavoro svolto sul corpo e che contemporaneamente attiva la concentrazione mentale e il rilassamento muscolare.

Riveste particolare importanza la relazione terapeuta bambino, che nonostante la presenza del gruppo rimane rivolta al singolo, ideando un trattamento e un percorso sempre individuale che considera il vissuto soggettivo del paziente e i sui tempi.

Ogni seduta presenta uno schema che si ripete ogni volta. Si inizia con una prima fase di distensione in cui si chiede al soggetto di immaginare qualcosa che evochi tranquillità, successivamente inizia il lavoro su una parte specifica del corpo che viene nominata, mobilizzata e toccata in modo da percepire la differenza tra tensione e distensione. La fase finale è quella della ripresa, si chiede al soggetto di allontanarsi dall’immagine di calma, di riprendere il movimento del corpo e di riaprire gli occhi.

Magda Fonsmorti – Grafologa e Rieducatrice della scrittura